RECENSIONE DA STEREOINVADERS.COM
stereoinvaders.com






RECENSIONE DA QUADRIPROJECT.COM

quadriproject.com






RECENSIONE DA OUTUNE.NET
OUTUNE.NET






RECENSIONE DA METALARCI WEBZINE



MetalArci Webzine




Intervista tratta da OUTUNE.NET


Ci sono band che non hanno una crescita “lineare” ma passano attraverso momenti di rottura che rafforzano ancora di più la loro musica. E’ questo il caso degli italiani Genocya.

Partiamo dall’inizio: come nascono i Genocya?

Allora, i Genocya nascono a Cuneo, nel lontano 1996 quando 2 ragazzini (Meme e Cris) decidono di tirare su’ una piccola band.Negli anni sono cambiati molti componenti ma loro due hanno tenuto duro fino al 2005 quando hanno mollato. In questi nove anni pero’ hanno preparato 4 album e 3 video con registrazioni molto e dico molto casalinghe!!All’inizio del 2010 Meme e Cris (Chitarrista e Batterista) si rincontrano e decidono di riformare i Genocya con in mente, pero’, un progetto piu’ maturo e piu’ professionale e con nuovi membri, ed ecco arrivare Mirko (Tastiere) Davide (Basso) e Andrea (Voce).


La musica dei Genocya come nasce? Quali le sensazioni che volete trasmettere al pubblico?

Partiamo dal presupposto che ognuno di noi ha un background diverso, dal thrash al pop rock, dal glam al power. Ogni canzone parte da un’idea, da un sentimento o da una sensazione. Se l’idea di base proposta è convincente ci lavoriamo sopra tutti insieme anche perche’ per piacere agli altri deve necessariamente soddisfare prima noi stessi. E a volte ci vanno ore prima che Davide si convinca.Per quanto riguarda le sensazioni che vogliamo trasmettere al pubblico non è semplice da spiegare a parole. I nostri testi rispecchiano diversi stati d’animo: dalla rabbia alla compassione, dal bisogno d’ aiuto alla frustrazione. Il nostro ultimo lavoro Again non è un concept album.
Da quali gruppi pensate di aver tratto maggiore ispirazione?
Come detto abbiamo tutti gusti differenti: Meme spinge per i riff thrash, Cris, suonando la batteria, e’ ispirato fin troppo da Dream theater e simili, Davide adora Glam, Aor e Gruppi sinfonici tipo Nightwish e Savatage che piacciono un po’ a tutti.Mirco e’ il piu’ pop, ascoltando, tra gli altri, Elton John. E poi c’e’ Andrea che ha il pallino per i System Of a Down.


Again è il vostro ultimo lavoro studio in uscita per il mese di Marzo. Cosa deve aspettarsi il pubblico?

Diciamo che, prima della fase finale della registrazione, abbiamo distribuito dei cd contenti versioni sample in modo da valutare la reazione del pubblico ai nostri brani ed abbiamo scoperto che Again ha avuto un impatto positivo anche sui meno metallari grazie, forse, all’aver dato grande rilievo alle parti melodiche.


Come vi ponete nei confronti della scena metal italiana?

Uscire fuori suonando metal in Italia e’ molto dura; attualmente non ci stiamo ponendo il problema. Un domani si vedrà.


L’esperienza Live cosa rappresenta per i Genocya?

I live sono la parte piu’ importante di qualsiasi gruppo.Non solo per farsi conoscere, ma anche e sopratutto perche’ riesci ad avere un feeling tale da permetterti di trasmettere tutta l’energia che hai dentro agli altri.Da parte nostra e’ complicato,un po’ per il poco tempo un po’ per la difficolta’ di trovare posti in cui suonare nel nord Italia, dato che il genere proposto e’ piuttosto di nicchia e le cover bands hanno sempre la meglio.


I vostri progetti per il futuro?

Guardando lontano abbiamo in progetto un secondo album, di cui sono gia’ pronti dei pezzi che non abbiamo voluto includere in Again.Nell’immediato futuro avremmo intenzione di fare il maggior numero di Live per promuovere l’ uscita dell’ attuale album.


Intervista a cura di OUTUNE.net


LINK AL SITO




Intervista tratta da A PLACE FOR US
Ciao ragazzi e benvenuti su A Place For Us. Innanzitutto vogliamo complimentarci con voi per il disco appena uscito.
Ciao,grazie per l'opportunita' che ci concedete e complimenti anche a voi per
questa bella iniziativa di A Place For Us.

Come nostra abitudine, per prima cosa vi chiediamo da cosa nasce il vostro nome: Genocya.
L'idea dei Genocya nasce nel lontano 1996 per volere di due, all'epoca,
ragazzini: Meme(chitarra) e Cris(batteria) fondatori e membri "storici" a cui il
nome semplicemente piaceva e dava l'idea di un suono molto metal!

Come nascono le vostre canzoni? e di cosa parlano?
Vi sono solitamente due casi: il primo e' che uno di noi arriva in sala prove
con un'idea di canzone la quale puo' essere quasi completa, abbozzata, o anche
solo un semplice riff o intro, tutti insieme ci si lavora sopra e quasi sempre
l'idea di partenza viene stravolta, elaborata, e "masticata" a tal punto da
cambiare totalmente veste rispetto a come era stata concepita all'inizio; il
secondo caso e' la piu' classica jam in studio.... anche se forse sarebbe meglio
definirlo cazzeggio, da li' puo' nascere qualche bel "giro"attorno a cui
modelliamo una possibile canzone.
I nostri testi spaziano parecchio, ma quasi tutti sono accomunati dal
descrivere diversi stai d'animo o condizioni dell'essere umano, si va dalla
ricerca della felicita' o del ritrovare se stessi, alla storia di un omicidio
fino alla party song passando per un paio di canzoni molto critiche
sull'aspetto della fede religiosa.

E' uscito da poco "Again" il vostro ultimo lavoro in studio,parlatecene un pò!
Inutile negare che su di esso vengono riversate molte delle nostre
aspettative, da quando si e' stabilizzata la lineup,un anno or sono,abbiam
subito iniziato a lavorarci, scrivendo musiche e testi e arrangiamenti, ad
ottobre scorso e' iniziata la fase di preproduzione registrazione e mixing, le
cui fasi sono state fatte da noi personalmente. Siamo decisamente orgogliosi di
"Again" crediamo sia stato curato nei minimi particolari. C'e' molto di noi
stessi sul cd, c'abbiamo messo e dedicato anima e corpo!

Quali sono le band da cui traete più ispirazione?
Abbiamo gusti musicali molto diversi, che solo in pochi casi si accomunano,
diciamo che Nightwish e Savatage sono due punti fermi, non sappiamo pero' quanta
influenza di queste due grandissime band si possa sentire su Again, c'hanno
detto e crediamo, senza falsia modestia, di essere decisamente originali, un
symphonic metal alla Genocya, quindi!!

Parlando di "live": quanta importanza ha per voi rispetto allo "studio"?
Per ogni band che si rispetti la dimensione live è importantissima, per noi
e' anche una valvola di sfogo dopo mesi passati in studio, la voglia di
trasmettere un'energia che magari dal cd non riesce completamente a trasparire.
Come gia' detto dopo molto tempo chiusi a registrare e mixare il tutto,
operazioni che comunque richiedono il loro tempo, ora e' tempo di live!

Quali sono i vostri progetti per il futuro?
Ricollegandosi alla risposta precedente, vorremmo cercare di suonare,il
piu' possibile dal vivo il miglior metodo per promuovere l'album, abbiamo gia'
una serie di date estive nel cuneese, che pubblicizzeremo a breve, ma
inevitabilmente ci piacerebbe spingerci anche verso altre province limitrofe...
vedremo... Inoltre la scrittura di nuovi brani e' sempre in continua
evoluzione.

Di quale canzone famosa avreste voluto essere gli autori?
Bella domanda! E qui rispondiamo singolarmente:
Andrea(voce): Serj Tankian-Charade
Mirco(tastiere): Savatage-this is the time
Meme(chitarre): Hammerfall-the fire burns forever
Cris(batteria): Dream Theater-6:00
Davide(basso): una e' troppo poco....concedetemene almeno tre:
Queen-bijou, Savatage-believe, Nightwish- rest calm

Due parole sulla scena cuneese underground?
Restando in ambito rockmetal che e' quello che piu' conosciamo, diciamo
subito che vi sono veramente delle ottime band che ci mettono tanta grinta e
passione, dall'altro versante manca però l'essere un po' piu' "open mind" da
parte dell' ascoltatore, che spesso e volentieri preferisce andare a vedere un
gruppo tributo o la solita cover band, piuttosto che chi propone pezzi originali,
ed in piu' la situazione dei locali che propongono musica dal vivo, in provincia di
Cuneo non e' certo rosea, sono veramente pochi e spesso inadatti, nessun
palchetto o al massimo un angolino angusto a disposizione, purtroppo di solito
la norma e' questa...

Ultima cosa: lasciate un breve messaggio di saluto che possa anche convincere le persone ad ascoltarvi.
Ringraziamo e salutiamo chi c'ha supportato fino ad ora e chi ci supportera'
in futuro, continuate a seguirci, venite ai nostri live, e date un ascolto ad
"again", crediamo che possa piacere ad un pubblico piuttosto eterogeneo e non solo ed esclusivamente ad un target metal. Restate sintonizzati e teneteci d'occhio, see ya soon!

Genocya



Intervista di A PLACE FOR US

LINK INTERVISTA




Content Management Powered by CuteNews